“Perché si venga qui in pellegrinaggio”

è questo che ha chiesto Maria sotto il biancospino il 23 dicembre 1932. Spiegava così il motivo delle sue apparizioni a Beauraing,  alla domanda “Perché si venga qui in pellegrinaggio”.  Per rispondere alla sua chiamata, più di 20 strade di pellegrinaggio sono state contrassegnate:  si chiamano “le strade del cuore d’oro”.  Sono state inaugurate il 13 Aprile 2013 durante la messa celebrata da sua eccellenza Remy Vancottem, Vescovo di Namur.  La più breve è una stradina di qualche metro, che i cinque bambini veggenti hanno percorso la sera delle apparizioni.  La strada dei Castelli, è lunga circa 4 Kilometri, ed è indicata.  Le strade più lunghe sono circa di 10 kilometri.  Si possono percorrere a piedi o in bicicletta … Le quattro strade riferite sulla cartina sono accessibilissime. Sono lunghe da 7 a 16 kilometri.  La strada di Houyet (in blu) (14 Km) è più tradizionale.  Sin dai primi tempi, i pellegrini l’hanno usata regolarmente e, ancora oggi, è percorsa da gruppi di pellegrini pedestri i primi sabati e seconde e terze domeniche del mese della stagione bella (da marzo a novembre), le seconde domeniche del mese della stagione fredda.  Ci si può unire ai pellegrini pedestri organizzati.  Le strade indicate con il colore verde (Wancennes) (7Km) e con quello rosso (Martouzin) (9Km) – come pure la strada dei Castelli e la strada di Focant (18Km) – sono dei giri completi che iniziano dal Santuario e finiscono nuovamente al Santuario.  La strada in giallo parte da Givet in Francia e fa circa 16 Km.



Diploma del pelligrini

All’arrivo al Santuario, il pellegrino può venire al Punto Info, firmare il registro grande dei pellegrini di Beauraing e ricevere il diploma del pellegrino di Beauraing, con una benedizione del vescovo di Namur, Sua Eccelenza Vancottem.